menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Butta a terra una donna e la prende a calci per rubarle la borsa: arrestato

È stato finalmente arrestato il responsabile della violenta rapina ai danni di una 54enne, avvenuta il 9 dicembre scorso a Brescia

Gli agenti della Squadra Mobile di Brescia hanno arrestato con l'accusa di rapina un 39enne cubano (P.L.C.A. le iniziali), in esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere disposta dal gip di Brescia Giulia Costantino, su richiesta pm che ha coordinato le indagini, Alessio Bernardi.

La rapina

L’arrestato sarebbe il responsabile di una rapina commessa a Brescia il 9 dicembre scorso ai danni di una signora. Quella sera, intorno alle 18, gli agenti delle Volanti della Questura intervennero in via Brozzoni in soccorso di una 54enne. La donna riferì che, appena uscita da un supermercato, uno sconosciuto aveva prima tentato di strapparle il bracciale d’oro ma, non riuscendovi, l'aveva poi strattonata fino a farla cadere a terra, colpendola ripetutamente con calci fino a sottrarle la borsa. All'interno c'erano il telefono cellulare, le carte bancarie, documenti e soldi. L'uomo si era poi allontanato a piedi per le vie vicine.

Le indagini e l'arresto

Dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza poste all’esterno del negozio e di altre attività visionate, si è potuto notare come P.L.C.A. – poco prima dell’aggressione – si sia sfilato la giacca "double face", indossandola al contrario, con l’intento di ostacolare la sua successiva identificazione.

Gli agenti della Mobile sono comunque risaliti all’uomo, già con numerosi precedenti alle spalle, anche grazie a precedenti segnalazioni fotografiche che hanno permesso di identificarlo, in quanto, in alcune occasioni, indossava lo stesso giubbotto ed i medesimi capi di abbigliamento utilizzati il giorno della rapina. 

Individuato nei pressi di uno stabile occupato abusivamente vicino al luogo della rapina, è stato arrestato e poi portato dai poliziotti a Canton Mombello, dov'è ora a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento