Rifiuti tossici: l'ex boss della Camorra ha fatto i nomi di imprenditori e discariche

La Procura di Brescia ha aperto un fascicolo d'indagine a seguito delle dichiarazioni del camorrista pentito Nunzio Perrella: a microfoni spenti avrebbe fatto pure i nomi, delle discariche e degli imprenditori

Questo è il prossimo passo: la Procura di Brescia ha aperto un fascicolo d'indagine. E il pentito Nunzio Perrella potrebbe essere sentito come persona informata dei fatti. Se la sua versione venisse confermata, sono tante le ipotesi che si aprirebbero.

Gli imprenditori bresciani (e lombardi) coinvolti, di ieri e oggi. Il traffico illecito che forse ancora non si è fermato. Cosa nasconde davvero la terra di provincia, per sapere con cosa sono venuti a contatto (o quasi) i cittadini che vicino alle discariche ci abitano.

Anche se il passato, purtroppo, non si cambia. “Tutto il Nord è rovinato – ha detto Petrella – I rifiuti li abbiamo portati solo in Lombardia, fino al 1987. Poi stava tutto pieno, e abbiamo cominciato a portarli anche al Sud”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Palpeggia e molesta due ragazzine: pestato a sangue nel parcheggio

  • Arrivano una Smart e una Fiat 500, poi lo scambio di droga: arrestato cantante

  • Ragazzo morto tra le braccia delle fidanzata: i risultati dell'autopsia

  • Morto l'imprenditore Renato Martinelli: ucciso in tre mesi dalla malattia

  • Violenta scossa in azienda, folgorato operaio: portato con ustioni al Civile

  • Malore improvviso in casa, muore giovane mamma: "Non voglio crederci"

Torna su
BresciaToday è in caricamento