Piazza Vittoria: disabili bresciani contro il Bigio fascista

"Brescia merita di mettere in mostra qualcosa che sa di salute, forza, vitalità, statura dritta, vigore", scrive ironico il comitato 'Cittadini come tutti', promotore dell'iniziativa

Associazioni dei disabili bresciane contro la ricollocazione in piazza Vittoria del 'Bigio', la statua dello scultore Dazzi di epoca fascista che la giunta comunale di Brescia ricollocherà in piazza Vittoria. Per questo, nella mattinata di ieri, sul basamento che dovrebbe sostenere il colosso di marmo è stato posizionato un manichino su una sedia a rotelle.

Labolani:
"Bigio in piazza Vittoria prima del 25 aprile"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con questa protesta il neonato comitato 'Cittadini come tutti', che riunisce diverse associazioni, ha voluto denunciare come i 150 mila euro destinati al trasporto ed al restauro del 'Bigio' avrebbero potuto essere destinati ai servizi per i disabili: educatori professionali, assistenza domiciliare, nuovi posti in centri diurni.

"Tralasciamo ogni questione sull'opportunità storica e politica di rimettere in piedi quest'imponente statua in marmo" si legge in una lettera aperta del comitato a chi ha deciso di ricollocare il Bigio; "in effetti, a pensarci - continua ironica la nota - non esiste modo migliore per spendere questi soldi: Brescia merita di mettere in mostra qualcosa che sa di salute, forza, vitalità, statura dritta, vigore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Coronavirus, allarme focolaio nel Mantovano: 97 positivi in un'azienda agricola

  • Si tuffa e non riemerge, salvato dalla fidanzata: la sua vita è appesa a un filo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento