menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza sfratti: occupata l'ex caserma Gnutti e l'ex clinica Moro

L'Associazione Diritti per Tutti e il Comitato provinciale contro gli sfratti hanno occupato a scopo dimostrativo i due stabili in via Crispi, chiedendo al comune risposte concrete sull'emergenza in corso

Prosegue senza soste la campagna "Stop agli sfratti" promossa dall’Associazione Diritti per Tutti e dal Comitato provinciale contro gli sfratti per rispondere alla grave emergenza abitativa determinata dalla crisi economica in corso.

Nella giornata di sabato, un centinaio di persone hanno occupato due stabili sfitti in via Crispi in pieno centro storico.

"Con questa azione vogliamo denunciare - scrivono i partecipanti - la presenza in città di decine di edifici vuoti che potrebbero essere utilizzati per l’emergenza sfratti: solo in via Crispi sono presenti centinaia di vani sfitti in due strutture, la ex caserma Gnutti di proprietà dell’ immobiliare Nibofin srl del gruppo Fondital e la ex clinica privata Moro, di proprietà della Casa di salute Moro spa. Questi edifici potrebbero essere acquisiti dal Comune (tramite convenzioni oppure requisizioni temporanee, motivate dalla gravità della situazione) e trasformati in centri temporanei di emergenza abitativa, dove alloggiare le famiglie che hanno subìto lo sfratto"

- Diritti per Tutti su sfratti e sanatoria migranti: «Tempo di crisi e di lotta»


Per le due associazioni, questo permetterebbe agli enti locali di risparmiare ingenti risorse pubbliche perchè, in presenza di minori sfrattati, i comuni sono obbligati dalla legge a tutelare i bambini e a collocarli insieme alla madre in strutture molto costose (nel caso di comunità protette anche 100 euro al giorno per bambino nel caso di case-famiglia circa 1000 euro al mese): "Allora, quale miglior soluzioni che tornare alla tradizione storica della ex clinica Moro, nata nel 1880 per dare assistenza sanitaria alle donne indigenti? Diventi  oggi luogo di accoglienza per gli indigenti colpiti dalla crisi! Oppure la ex caserma Gnutti destinata ad essere trasformata in appartamenti di lusso?!".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus: il Comune bresciano che ha contagi da zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento