Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Vittima del "branco", ragazzino coraggioso li insegue e li fa "beccare"

La vicenda tra Brescia e Desenzano: vittima un ragazzino di soli 13 anni, rapinato da una baby-gang al Freccia Rossa. Li ha inseguiti fino al lago, poi ha chiesto aiuto al capotreno: quattro denunciati

Un ragazzino coraggioso che riesce a sgominare una baby gang. Tutto grazie all'aiuto e alla collaborazione con le forze dell'ordine, con il Commissariato di Polizia di Desenzano del Garda, con il capotreno a cui per primo ha raccontato tutto, con un agente di Polizia Penitenziaria fuori servizio, e che si trovava lì per caso.

La vicenda parte da Brescia, al Freccia Rossa, e si conclude a Desenzano, tra la stazione e la spiaggia del Desenzanino. Il ragazzino, di soli 13 anni, viene accerchiato e derubato appunto al Freccia Rossa: i quattro del “branco” gli portano via cuffie per la musica e occhiali da sole.

Ancora in lacrime, il ragazzino decide di seguirli, e di salire sul treno con loro. Senza farsi vedere: gli altri sono in quattro, il più grande – probabilmente il “capo” - ha 18 anni, gli altri dai 14 ai 16. Sono tutti di origine straniera: Albania, Marocco, Senegal.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vittima del "branco", ragazzino coraggioso li insegue e li fa "beccare"

BresciaToday è in caricamento