Cronaca

Specie ultra protetta, forse l’ultimo esemplare in Europa: impallinato a Darfo

Si tratta di un rarissimo esemplare di Ibis Eremita: lo hanno ritrovato nei boschi della Valcamonica, con 80 pallini in corpo, le guardie venatorie del WWF di Brescia

Enno: così era stato chiamato il rarissimo esemplare di Ibis Eremita che stava volando sopra i boschi della Valcamonica. La sua lunghissima sosta di oltre 24 ore ha però insospettito le guardie del Wwf Lombardia, che da tempo ne seguivano i movimenti attraverso un trasmettitore GPS.

L'allarme è scattato venerdì sera e immediatamente le guardie venatorie di Brescia sono salite in macchina per raggiungere Darfo Boario Terme, dove era segnalata la presenza del raro esemplare. I peggiori presagi hanno trovato conferma poco dopo: Enno è stato trovato morto, con una grossa ferita sull'ala, probabilmente vittima di bracconieri. 

L’animale è quindi stato sottoposto a radiografia al Centro di recupero Animali Selvatici Wwf nell’Oasi di Cenate Sopra (Bg). Le analisi hanno confermato che l'Ibis è stato colpito da una o più fucilate: oltre ottanta pallini avrebbero devastato il suo corpo.

Il volatile faceva parte di un progetto finanziato dalla UE per reintrodurre la specie nel nostro continente, estinta nel XVII secolo proprio a causa della caccia selvaggia. Enno era probabilmente l'ultimo esemplare rimasto a volare nei cieli d'Europa. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Specie ultra protetta, forse l’ultimo esemplare in Europa: impallinato a Darfo

BresciaToday è in caricamento