Meno cromo nell’acqua, a scuola da settembre tornano le brocche

Le ultime analisi ASL sui rubinetti delle scuole di Brescia confermano la presenza di cromo ben al di sotto del limite di legge: ancora qualche check up, poi da settembre in mensa torneranno le brocche

Livelli di cromo nell’acqua, a Brescia, in linea con i “dati storici”. Le parole dell’assessore Gianluigi Fondra a conclusione dell’ultima riunione (decisiva) dell’Osservatorio Acqua Bene Comune, che ha preso in esame i risultati degli ultimi prelievi, e delle ultime analisi, effettuati dall’ASL direttamente dai rubinetti delle scuole.

Negli ultimi mesi non erano mancati gli allarmismi: prima le “analisi shock” effettuate dai privati, poi la corsa al controllo “fai da te”, infine pure un condominio in cui per qualche ora si era temuto un nuovo record, ovviamente in negativo.

In molte scuole, intanto, da tempo i bambini bevevano solo acqua di bottiglia, e mai di rubinetto. Con i piedi felpati, spiegano dal Comune, dal prossimo anno scolastico potrebbero tornare le brocche. Le analisi infatti in ultima istanza confermerebbero una qualità accettabile: cromo esavalente presente a ‘macchie’, e mai superiore ai 10 microgrammi per litro.

Qua e là qualche picco per altri metalli: non sempre segnali d’inquinamento, spesso solo tubature vecchie e usurate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutta la Lombardia zona rossa fino al 27 novembre: poi cosa succede

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Covid: 10 morti e 256 positivi, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Oggi conferenza Stato-Regioni: si spera per Brescia zona arancione

Torna su
BresciaToday è in caricamento