Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Maxi retata nelle ‘disco’ del Bresciano: arrestati 4 pusher, identificati 400 consumatori

Le operazioni hanno portato all'arresto di 4 persone, di età compresa tra i 20 e i 37 anni. 8 le persone denunciate, 400 quelle segnalate alla Prefettura per consumo di sostanze stupefacenti e 5 le patenti ritirate

A far scendere la febbre del sabato sera ci hanno pensato i Carabinieri dei comandi provinciali, che lo scorso sabato notte hanno passato al setaccio 5 discoteche del Bresciano. 40 pattuglie e 90 militari (più le unità cinofile del nucleo specializzato di Orio al Serio) hanno presidiato le vie d’accesso e d’uscita dei locali, i parcheggi, le piste da ballo, persino i bagni, controllando gli avventori ed avvalendosi della piena collaborazione dei gestori dei locali.

Una maxi operazione, che ha visto impegnati i carabinieri delle compagnie di Brescia, Chiari, Desenzano e Verolanuova, organizzata per arginare il fenomeno dello spaccio di droga nelle discoteche.

Il bilancio - fanno sapere dal Comando di piazza Tebaldo Brusato - è più che positivo: 4 persone, di età compresa tra i 20 e 37, sono state arrestate, 8 denunciate e ben 400 consumatori (tra cui  molti minori) sono stati segnalati alla Prefettura. 

Un servizio mirato anche a contrastare l’abuso di alcool e la guida in stato d’ebbrezza: 5 persone sono state pizzicate al volante con tassi etilici ben al di sopra dei limiti consentiti dalla legge. Il record negativo se l’è aggiudicato un ragazza classe ‘87, il cui tasso alcolemico viaggiava tra l’1,65 e l’1,77.

Le operazioni condotte in città hanno portato all’arresto di un 37enne tunisino, fermato nei pressi di una discoteca e trovato in possesso di alcune dosi di eroina. Dalla successiva perquisizione dell’abitazione sono saltate fuori altre dosi della medesima sostanza e 1500 euro in contanti, verosimilmente proventi dell’attività di spaccio. Dalle indagini è anche emerso che l’uomo avrebbe lavorato in nero come addetto alla sicurezza di alcuni locali. 

I militari di Chiari hanno dovuto vedersela con un 25enne originario di Sarnico e residente a Palazzolo, finito in manette all’età di 19 anni per spaccio di droga. Il giovane ha attirato su di sé l’attenzione dei carabinieri in borghese presenti all’interno del locale perché stazionava, senza apparente motivo, davanti alle porte dei bagni. Negli slip nascondeva 6 involucri di cocaina già confezionata, così i militari lo hanno condotto nel parcheggio con l’intenzione di perquisire anche l’abitazione. Una decisione che il giovane non ha preso bene, tanto che ha cominciato a dare in escandescenza e nel tentativo di svignarsela ha ferito alla schiena un carabiniere, che se l’è cavata con 3 giorni di prognosi. 

A Desenzano sono scattate le manette per un 20enne macedone, pizzicato con 6 dosi di cocaina e 2,2, grammi di Marijuana e 500 euro in contanti. Altre 4 persone sono state denunciate perché trovate in possesso di modiche quantità di metanfetamina in cristalli e di marijuana. Infine, è finito nei guai anche un 22enne del varesotto, che è stato beccato dai militari di Verolanuova  nel piazzale di una discoteca della Bassa con 10 grammi di hascisc, 5 dosi di anfetamina Speed, altrettante di Mdma e 8 francobolli di Lsd. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi retata nelle ‘disco’ del Bresciano: arrestati 4 pusher, identificati 400 consumatori

BresciaToday è in caricamento