La bomba dimenticata: trentasei anni fa l'attentato in piazzale Arnaldo

Il 16 dicembre del 1976 in piazzale Arnaldo esplose un rudimentale ma potente ordigno piazzato da militanti di estrema destra, che uccise sul colpo Bianca Gritti Daller. Tra due domenica la commemorazione ufficiale alla presenza del sindaco Paroli

Trentasei anni fa in piazzale Arnaldo sotto il portico all’angolo con via Turati veniva posta una bomba confezionata in una pentola a pressione da militanti di estrema destra.

Dallo scoppio derivarono la morte di Bianca Gritti Daller e il ferimento di 10 persone. L’allora brigadiere Giovanni Lai e il carabiniere Carmine Delli Bovi intervennero per spostare l’ordigno e per allontanare le persone presenti, rimanendo gravemente feriti, ma evitando che i danni fossero ancora più funesti.

Casa della Memoria, il 16 dicembre alle 11.30 in piazzale Arnaldo, renderà omaggio alla vittima Bianca Gritti Daller e ai feriti coinvolti, per perseguire l’obiettivo di mantenere sempre viva la memoria pubblica di tali eventi, soprattutto alle nuove generazioni.

Alla cerimonia sono stati invitati i familiari di Bianca Gritti Daller, il maresciallo Lai, il carabiniere Delli Bovi e gli altri feriti. Interverranno fra gli altri, il Sindaco e, in rappresentanza di Casa della Memoria, l’Assessore del Comune Paola Vilardi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

Torna su
BresciaToday è in caricamento