Cronaca Piazzale Spedali Civili

Paziente muore dopo il trasferimento, primario indagato per omicidio volontario

Alla chiusura delle indagini la Procura ha prodotto un avviso di garanzia per il dottor Claudio Muneretto, primario di Cardiochirurgia Universitaria: è indagato per omicidio volontario

Medico del Civile iscritto nel registrato degli indagati, con accuse molto pesanti: il dottor Claudio Muneretto, primario di Cardiochirurgia Universitaria dell'Asst degli Spedali Civili, risulta indagato per omicidio volontario con le aggravanti dei futili motivi e della premeditazione.

Muneretto è stato accusato di aver trasferito una paziente (poi deceduta in un altro ospedale) solo per evitare che morisse a Brescia, e che dunque il decesso rimanesse come una “macchia” nella sua brillante carriera. La vittima è una donna veronese di 57 anni, A.M. le sue iniziali.

Venne appunto operata a Brescia, ma poi trasferita all'ospedale di Padova dove è spirata solo cinque giorni più tardi. Secondo l'accusa, quel trasferimento non avrebbe portato alcuna utilità alla paziente, se non il decesso lontano dal Civile e dal reparto in cui lavorava il medico.

Da qui le accuse pesantissime presentate dal pm Ambrogio Cassiani, confermate almeno per ora anche dalla Procura nella chiusura delle indagini. Il medico ovviamente si difende, e respinge ogni accusa: i legali si dicono certi di poter dimostrare in tribunale l'assoluta buona condotta del loro assistito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paziente muore dopo il trasferimento, primario indagato per omicidio volontario

BresciaToday è in caricamento