Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Stranieri nati a Brescia, si pensa alla cittadinanza onoraria

Per il 24° anniversario della convenzione sui diritti dell'infanzia, i capogruppo di maggioranza hanno dichiarato che impegneranno lo Giunta a "valutare" la possibilità di approvare una delibera, come richiesto da Anci e Unicef

Il 20 novembre, Giornata dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, si è celebrato il 24° anniversario della convenzione sui diritti dell'infanzia, dedicato all'uguaglianza dei diritti di tutti i bambini e in particolare alla non discriminazione dei gruppi più vulnerabili, come i minorenni di origine straniera.

L'Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e l'Unicef Italia si battono da anni per la semplificazione delle procedure per il conseguimento della cittadinanza italiana e, come forte atto simbolico, hanno chiesto ai Comuni di approvare una delibera che disponga il conferimento della cittadinanza onoraria ai minorenni di origine straniera che sono nati o vivono sul territorio comunale.

Un’iniziativa che i capigruppo bresciani di maggioranza, Donatella Albini (Al lavoro per Brescia), Fabio Capra (Pd), Mafalda Gritti (Brescia per passione) e Francesco Patitucci (Civica per Del Bono), dicono di condividere pienamente: “Ci sembra utile una riflessione sul tema”, hanno dichiarato, “impegneremo la Giunta a fare una valutazione. La cosa importante è cancellare le discriminazioni, dando ai più giovani pari dignità e possibilità”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stranieri nati a Brescia, si pensa alla cittadinanza onoraria

BresciaToday è in caricamento