menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Si masturbava addosso alle ragazze in treno: arrestato giovane maniaco bresciano

Cinque gli episodi contestati, tutti avvenuti lungo la linea Milano-Brescia. Il giudice ha disposto i domiciliari per un 21enne di casa nel Bresciano.

Violenza sessuale aggravata e ripetuta, almeno 5 volte nell'arco di soli 15 giorni. Questa la pesante accusa di cui deve rispondere un 21enne bresciano: per gli inquirenti avrebbe pesantemente molestato cinque giovani donne che viaggiavano sui treni diretti a Milano: gli episodi contestati sarebbero tutti avvenuti tra la stazione di Brescia e quella di Chiari.  

In particolare il ragazzo è ritenuto responsabile di una serie "di palpeggiamenti, strusciamenti e di episodi di masturbazione commessi prevalentemente in più giorni a bordo del treno e in danno di giovani passeggere", si legge nella nota ufficiale diffusa dalla Polizia ferroviaria di Brescia. Cinque le denunce raccolte nel giro di poco più di 15 giorni, la prima porta la data dello scorso 18 settembre.

Cinque violenze in 15 giorni 

Episodi raccapriccianti e tristemente simili: pare che il 21enne scegliesse i vagoni meno affollati e agisse in un brevissimo lasso di tempo, sempre mentre il treno stava per raggiungere una stazione della tratta Brescia-Chiari. Una vota individuata la vittima, pare che si avvicinasse e si strusciasse per pochi secondi per darsi piacere. In un'occasione avrebbe anche eiaculato addosso a una vittima, sporcandole i pantaloni.  

Molestie pesantissime e inquietanti a cui hanno messo brevemente fine gli agenti della Polfer di Brescia, guidati dal commissario Antonio Stanco: "Per una ventina di giorni abbiamo concentrato tutte le nostre risorse e il personale nelle indagini per individuare il soggetto, perché si tratta di reati gravissimi. Anche con l'aiuto dei colleghi di Milano, abbiamo incessantemente controllato i treni della tratta cercando di risalire all'identità del giovane di cui le vittime avevano fornito una descrizione piuttosto dettagliata."

Le indagini 

Una volta individuato il presunto maniaco, un insospettabile giovane di casa nell'hinterland di Brescia, gli inquirenti sono pure riusciti a ricostruire i suoi spostamenti attraverso la sequenza delle celle telefoniche, i tempi di percorrenza dei convogli ferroviari e gli orari di aggancio alle diverse celle. I tempi rapidi con cui il giovane si spostava da un Comune all'altro della nostra provincia non avrebbero lasciato spazio a dubbi: le trasferte non potevano che avvenire a bordo di un treno.  

Il ragazzo, incensurato, è stato poi riconosciuto dalle 5 giovani vittime e, nei giorni scorsi, per lui sono scattate le manette. La misura è stata convalidata dal giudice, che ha disposto gli arresti domiciliari. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Covid Bollettino Lombardia del 18 aprile 2021: tutti i dati

  • Cronaca

    Party a bordo vasca per 15 persone: tutti denunciati

  • Cronaca

    Auto in fiamme, coppia scende un attimo prima del disastro

  • Coronavirus

    Cosa riapre in Italia dal 26 aprile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento