Valcamonica: allarme scabbia, profilassi per malati e familiari

Ma l'Asl rassicura: "Tutto sotto controllo, preoccupazione ingiustificata"

Continua a crescere l'allarme tra i residente dell'alta Valcamonica, in primo luogo tra i residenti di Cevo, per il contagio da scabbia iniziato il mese scorso da un'anziana donna straniera ricoverata all'ospedale di Edolo.

I vertici dell'Asl rassicurano la popolazione: "La situazione è sotto controllo, c'è una preoccupazione eccessiva e ingiustificata". Le persone vittime del fastidioso acaro sono in tutto una quarantina, anche se non si escludono nuovi casi.

A tutti i malati (21 quelli accertati sul territorio, 18 in ospedale) e ai loro familiari è stata prescritta una rigorosa profilassi. A Edolo, la direzione dell'azienda ospedaliera fa sapere che la struttura è ora sicura e completamente sterilizzata.

Nel nosocomio di Esine, invece, i casi accertati sono stati solamente due, tutti venerdì scorso. Qui la malattia è stata subito riconosciuta, e non si è verificato nessun contagio tra il personale medico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zone gialle, arancioni e rosse, cosa succede il 6 dicembre: c'è attesa per la Lombardia

  • Il dramma di Matteo, papà di due bambini: ucciso dalla malattia a 38 anni

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Ragazza di 13 anni scomparsa con l'amica, madre disperata: "Torna a casa amore mio"

  • Si compra la cocaina con i soldi delle multe: sospeso agente della Locale

  • Tragico incidente: Valeria Artini, promessa del volley, muore a 16 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento