Contrada del Carmine: a rischio sfratto con tre figli minorenni

L'esecuzione dello sfratto per morosità incolpevole rinviata al 27 aprile, grazie a un picchetto di Diritti per Tutti e Magazzino 47

Il picchetto di Diritti per Tutti e Magazzino 47

Ali è arrivato in Italia tanti anni fa dal Pakistan, ora fa il barbiere nel quartiere pluriculturale del centro storico di Brescia, dove vive in Contrada del Carmine 39. La crisi ha colpito anche il suo reddito che è diminuito e non basta più a mantenere la sua famiglia, moglie e 3 figli di 16, 8 e 6 anni e a pagare 480 euro di affitto ad una immobiliare, la Panettoni srl.

Così è arrivato lo sfratto per morosità incolpevole e la società proprietaria ha anche rifiutato la proposta del Comune di aderire al progetto contenimento sfratti, che prevede un indennizzo utilizzando il fondo istituito dall’Amministrazione in cambio della sospensione dell’esecuzione.

Il picchetto di Diritti per Tutti e Magazzino 47 ha evitato che la famiglia finisse in strada. Lo sfratto è stato rinviato al 27 aprile. Presente alla manifestazione di solidarietà anche il presidente del Consiglio di quartiere centro storico-nord, Francesco Catalano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

Torna su
BresciaToday è in caricamento