menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Cani lasciati soli in casa per giorni: trovati in fin di vita dopo l'allarme dei vicini

I due animali, due esemplari di Amstaff, erano allo stremo delle forze. Denunciato il proprietario: un 43enne di casa in città

L'odore nauseante che proveniva dal monolocale dove erano rinchiusi da giorni è stato la loro salvezza. Una puzza insopportabile, che ha fatto scattare l'allarme tra gli altri inquilini dello stabile al civico 11 di via del Canneto a Brescia. Temendo il peggio, ciò che all'interno dell'appartamento ci fosse un cadavere, i condomìni hanno infatti chiamato la polizia locale.

Una volta sfondata la porta d'ingresso del monolocale, gli agenti si sono trovati di fronte due cani, un maschio e una femmina, di razza Amstaff al limite delle forze: soli, agonizzati, e circondati dai lori escrementi. Senza cibo e neppure acqua. Stremati a tal punto da faticare a reggersi sulle zampe, la femmina non sarebbe resistita ancora a lungo. Immediatamente visitati da un veterinario dell'Ats, sono poi stati sequestrati e portati al canile cittadino.

Guai seri per il loro padrone, un 43enne di Brescia. Una volta rintracciato dalla locale ha cercato di difendersi, spiegando di aver lasciato i cani in casa solo per una giornata. Una giustificazione che non convince affatto gli agenti: le pessime condizioni in cui i due Amstaff sono stati ritrovati porta infatti a ritenere ch fossero rimasti chiusi nel monolocale per almeno tre giorni. Il loro padrone ora deve rispondere di maltrattamento e abbandono di animali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento