Getta il cane (morto) nel cassonetto: multato per 20mila euro

Il piccolo Charlie muore dopo 16 anni: la signora Ada (91enne di Brescia) si affida al veterinario per lo smaltimento. Quest'ultimo la combina grossa, e butta il cane morto nel cassonetto della spazzatura

Il ‘piccolo’ Charlie ha vissuto 16 anni. Non male, per essere un cane. La sua fedelissima padrona, la signora Ada di 91 anni, ha cercato di prolungargli la vita in ogni modo, anche con l’aiuto del veterinario. Niente da fare, Charlie alla fine non ce l’ha fatta.

Ma il veterinario che in qualche modo ha cercato di salvarlo ha poi infangato la sua reputazione, anche medica. Cane deceduto e, come legge prevede, da ‘smaltire’ seguendo la normativa, per esempio all’inceneritore.

Niente di tutto questo. Il veterinario ha messo Charlie in un sacco, e l’ha buttato nella spazzatura. E proprio la signora Ada avrebbe ritrovato il suo cade, nel cassonetto dello sporco. Facendo scattare così una meritata denuncia.

Il veterinario incriminato infatti è stato ‘beccato’ e sanzionato: un bel multone, da 20mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutta la Lombardia zona rossa fino al 27 novembre: poi cosa succede

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

Torna su
BresciaToday è in caricamento