Buoni per famiglie numerose: bando aperto fino al 29 settembre

Il contributo vale uno stanziamento di Palazzo Loggia pari a 180 mila euro, in linea con il 2010 quando l'investimento superò il 179.900 euro. Verranno distribuiti ai nuclei familiari con un reddito Isee fino a 25 mila euro

Resterà aperto fino al 29 settembre i bando di accesso ai buoni per le famiglie numerose (con almeno 4 figli, 3 figli e un nonno, 3 figli di cui uno disabile) residenti a Brescia. Approvato con delibera a giugno, il contributo vale uno stanziamento di Palazzo Loggia pari a 180 mila euro (in linea con il 2010 quando l'investimento superò il 179.900 euro) che verranno distribuiti ai nuclei familiari con un reddito Isee fino a 25 mila euro. Tre gli scaglioni previsti: 300 euro (per la fascia dai 20 ai 25 mila euro), 450 euro (dai 12.500 ai 20 mila) e 700 euro (fino ai 12.500 euro) che verranno eventualmente rielaborati in base al numero delle domande, dal momento in cui non è prevista alcuna graduatoria (375 le richieste pervenute nel 2010, di cui 264 hanno ottenuto il contributo massimo).

A presentare il bando - facendo poi il punto delle agevolazioni tariffarie dei servizi comunali previste per le famiglie numerose per quanto riguarda le rette degli asili, la mensa e il trasporto per le elementari- sono stati il sindaco di Brescia, Adriano Paroli, l'assessore ai servizi sociali, Giorgio Maione, e la responsabile dei servizi alla persona Cristina Albertini. "Ho voluto esserci per confermare, nonostante gli allarmismi dovuti alla manovra, che alcuni principi non sono derogabili", ha detto Paroli auspicando che "venga applicato il quoziente familiare, è una questione di attenzione ai cittadini. Vero è - ha aggiunto - che dobbiamo finalizzare di più la spesa sociale: con le nuove povertà emergenti, in futuro bisognerà ricercare risposte a fronte di disagi e bisogni specifici, senza limitarci a ingabbiare prima le risposte in una serie di parametri. Che si lavori quindi sulle risposte prima che sulle domande".

Nel 2010 le famiglie straniere, residenti da almeno 5 anni, hanno coperto circa il 60 per cento delle richieste nella fascia più bassa del bando. Novità 2011, come sottolineato da Maione, "una riduzione del 60 per cento del corso di avviamento allo sport per ragazzi dai 6 ai 14 anni, figli di famiglie numerose con reddito Isee fino ai 13 mila euro: le richieste partiranno dal 24 settembre. obiettivo, sostenere il più possibile le famiglie nel percorso educativo".

(ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lombardia zona rossa dal 17 gennaio, le regole: cosa si può fare e cosa no

  • Orrore in famiglia: guarda video porno e fa sesso con la sorellina di 14 anni

  • Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

  • Iveco parlerà cinese? Offerta miliardaria per lo storico marchio, Brescia trema

  • Auto travolge sette ciclisti sul Garda: è la squadra di Peter Sagan

  • Provincia di Brescia: morti e contagi di sabato 16 gennaio 2021

Torna su
BresciaToday è in caricamento