Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Abbatte specie protette con la licenza di caccia da soli due mesi

La fauna abbattuta, armi e mezzi illeciti di caccia, sono stati posti sotto sequestro grazie all'intervento della Polizia Provinciale e dei Carabinieri. L'uomo utilizzava reti illegali e gabbiette vietate con undici fringuelli da richiamo

Nonostante avesse la licenza da sole due mesi, un neo-cacciatore è stato fermato dalle Guardie del WWF di Brescia, in compagnia di un secondo cacciatore, mentre posizionava reti illegali e gabbiette vietate con undici fringuelli da richiamo.

Sebbene il'uomo sia stato denunciato, ora gli potrà essere sospeso solo il porto d’armi uso caccia, dato che, a causa dell'iperpermissiva legge venatoria italiana, la licenza può sospesa solamente quando si abbatte per due volte una delle specie protette (la condanna dev'essere definitiva).

“Alla base della recrudescenza dell’uccellagione vi è certamente l’apertura della caccia in deroga con l’utilizzo di richiami vivi” dichiara il Coordinamento delle Guardie WWF “E’ risaputo che il presunto allevamento di fringuelli, peppole, frosoni e pispole (specie protette e cacciabili solo in Lombardia e in Veneto) spesso è solo una copertura che maschera un colossale mercato nero illegale“.


Durante un altro controllo di vigilanza svolto dal WWF, è stato trovato a Trenzano uno sparviere morto (nella foto). L'animale è stato sottoposto a radiografia: la morte è dovuta a un pallino da caccia che ha colpito un organo vitale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abbatte specie protette con la licenza di caccia da soli due mesi

BresciaToday è in caricamento