Cronaca Borgo Whurer / Viale della Bornata

Borgo Wührer: cacciato da un bar, spara in aria un colpo di pistola

L'autore è un cittadino bosniaco, bloccato dalla polizia e processato per Direttissima. Per lui si sono spalancate le porte del carcere di Canton Mombello

Borgo Wührer

Attimi di puro panico nella notte di venerdì a Borgo Wührer, dove un uomo - uscendo ubriaco fradicio dal bar Kinki's (detto il "jamaicano") - ha incominciare a lanciare invettive, prima di estrarre una pistola ed esplodere un colpo in aria.

L'autore del gesto è un cittadino bosniaco, allontanato dal locale per aver molestato alcuni clienti. Strattonato e accompagnato fuori da un cameriere, si è seduto in preda alla rabbia su un muretto. A quel punto, come se nulla fosse, ha estratto una Beretta 7.65 iniziando a guardarsi intorno con aria minacciosa. Dopo un po' di minuti, forse calmatosi, ha deciso di lasciar perdere e di allontanarsi verso la strada. Ma, proprio in quel momento, ha premuto il grilletto sparando un colpo verso l'alto.

In un attimo gli agenti sono arrivati sul posto. Lo hanno rintracciato vicino ad una fermata dell’autobus di viale Bornata. Sapendolo armato, gli hanno ordinato di sdraiarsi a terra. L'uomo, invece, ha cercato di alzarsi e di fuggire a piedi. Una volta raggiunto e immobilizzato, sotto il giubbotto ecco la pistola ancora carica, infilata nella cintura dei pantaloni dietro la schiena.

Sabato mattina è stato processato per Direttissima, accusato di porto abusivo d’armi, resistenza a pubblico ufficiale e minacce gravi. E' stato incarcerato a Canton Mombello.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Borgo Wührer: cacciato da un bar, spara in aria un colpo di pistola

BresciaToday è in caricamento