Ordigno bellico in fabbrica: saranno evacuate più di 4.000 persone

L'ordigno ritrovato all'ex Oto Melara verrà fatto brillare probabilmente a giugno: disinnescato a Brescia e poi trasferito in una cava di Calcinato. Saranno evacuate più di 4000 persone

Più di 4000 persone dovranno essere evacuate dalle loro abitazioni per permettere le operazioni di disinnesco e brillamento dell'ordigno bellico che è stato ritrovato nei capannoni dell'azienda Leonardo Finmeccanica, ex Oto Melara di Via Lunga: già al momento del ritrovamento tutti gli operai erano stati fatti evacuare, per consentire le operazioni di messa in sicurezza.

Adesso si fa sul serio, ma ci vorranno ancora dei mesi. L'ordigno dovrà infatti essere circondato da un'apposita “gabbia”, un contenitore di sicurezza che possa evitare qualsiasi scheggia impezzita. Una volta “tombato”, sarà fatto brillare.

Per costruire il contenitore ci vorranno almeno due settimane di lavoro. La bomba dovrà essere trasferita da dove si trova ora, trasportata nell'area protetta (circondata da un muro di sabbia di circa 2 metri) per essere disinnescata e ancora trasferita, in una cava di Calcinato dove invece sarà fatta esplodere.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lastre di cemento sfondano la cabina del tir: strada chiusa e caos traffico

  • Addio Elisabetta, una lunga lotta contro il cancro: "Sei stata un esempio per tutti"

  • Scende dal bus e attraversa la strada: ragazzino travolto sotto gli occhi degli amici

  • Tragico incidente mentre torna a casa dal lavoro: muore padre di famiglia

  • Malore al volante, si schianta nel campo e muore: a bordo dell'auto anche moglie e amici

  • Cade dalla bicicletta e cerca di aiutarlo: il cane gli strappa via il naso

Torna su
BresciaToday è in caricamento