rotate-mobile
Cronaca Viale Rebuffone

Rischia di soffocare mangiando la brioche, salvato in extremis dal barista

Una storia di coraggio e sangue freddo a Brescia: Francesco Rezzola, barista 28enne, ha salvato la vita a un uomo che stava soffocando all'interno del Bar Parco di viale Rebuffone

Un boccone di brioche che va di traverso, le immediate le difficoltà respiratorie, fino ad arrivare all'apnea. Può sembrare una sciocchezza, ma le conseguenze potevano essere drammatiche: ogni anno in Italia si contano infatti quasi 700 ricoveri e più di 200 decessi per soffocamento da cibo.

Quella che vi raccontiamo è una storia di eroismo quotidiano, avvenuta all'interno di un locale di Porta Venezia, a Brescia, nel pomeriggio di mercoledì. Protagonista Francesco Rezzola, gestore del bar Parco di Viale Rebuffone insieme al fratello Angelo. La sua prontezza di riflessi e le sue ottime conoscenze sulle manovre di primo soccorso hanno infatti salvato la vita a un cliente che stava soffocando con un boccone di brioche. 

Tutto è successo in fretta: l'uomo, un 70enne residente nella zona, è entrato nel bar e, come di consueto, ha ordinato un caffè e una brioche. Mentre Francesco era dietro al bancone, girato di spalle, l'anziano ha cominciato a mordere il cornetto e un pezzo gli è andato di traverso. L'uomo non riusciva nemmeno a parlare: per attirare l'attenzione del barista ha cominciato a battere le mani sul bancone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rischia di soffocare mangiando la brioche, salvato in extremis dal barista

BresciaToday è in caricamento