menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Calci e pugni per rubare smartphone e gioielli: la baby gang dell’ultraviolenza

Sono stati arrestati i due esponenti della baby gang di minorenni che da mesi terrorizzava coetanei e non solo: sono stati riconosciuti responsabili di sei episodi in due mesi

Giovani e violenti: non servono altre parole per “raccontare” della baby gang di giovanissimi che per mesi ha terrorizzato i coetanei, in diversi luoghi della città. La Polizia di Stato ha chiuso il cerchio, almeno in parte: i due elementi considerati più pericolosi, considerati i capi della banda, sono stati individuati da tempo, e finalmente arrestati.

Sono due ragazzi di 18 e 19 anni, ancora da compiere: Z.D., classe 2000 e originario del Burkina Faso, e C.T, classe 1999 e originario del Senegal. Sono stati riconosciuti responsabili di una serie di rapine e furti, ai danni di coetanei e adulti, commessi più frequentemente nelle stazioni della metropolitana, in stazione, a San Faustino, alla fermata da Poliambulanza.

Un modus operandi preciso e metodico che ha fatto di loro una vera banda criminale, composta da cinque o sei soggetti, tutti giovanissimi e tutti che ancora vanno a scuola. I colpi sarebbero andati in scena sempre nel pomeriggio, quando la campanella aveva già suonato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Covid Bollettino Lombardia del 18 aprile 2021: tutti i dati

  • Cronaca

    Party a bordo vasca per 15 persone: tutti denunciati

  • Cronaca

    Auto in fiamme, coppia scende un attimo prima del disastro

  • Coronavirus

    Cosa riapre in Italia dal 26 aprile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento