Cronaca

Si chiude in casa temendo sia in corso una rapina, in realtà erano i carabinieri

In casa, nel portaocchiali della moglie, era nascosta la cocaina: «Con la pandemia abbiamo gravi problemi economici»

Spaventato, si è chiuso in casa rompendo la chiave nella serratura, ma non erano ladri, si trattava solo dei militari. Quella di martedì è stata una serata movimentata per una coppia residente in città, a San Polo. Al ritorno dal lavoro - l'uomo gestisce con la compagna un bar - fuori da casa sua c'erano i carabinieri ad attenderlo. 

I fatti. Dopo la chiusura del locale, l'uomo ha fatto ritorno a casa. Davanti alla porta si è sentito toccare sulle spalle e, pensando si trattasse di rapinatori, si è chiuso in casa, spezzando la chiave nella serratura della porta. A fatica i militari, carabinieri del Radiomobile di Brescia impegnati in un servizio antidroga, sono riusciti ad entrare. Durante la perquisizione è stata trovata della droga nel portaocchiali della donna, una ucraina di 49 anni, incensurata. 

Portata in caserma alle 23, la donna il giorno dopo è finita davanti al giudice per il processo in direttissima. Le parole della donna pronunciate durante la convalida dell'arresto (con obbligo di dimora in attesa del processo vero e proprio), sono riportate dal quotidiano Bresciaoggi: «Con la pandemia abbiamo gravi problemi economici. Le chiusure degli ultimi nove mesi ci hanno messo in difficoltà. Per questo avevo lo stupefacente».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si chiude in casa temendo sia in corso una rapina, in realtà erano i carabinieri

BresciaToday è in caricamento