Smart pedinata: arrestato in un parcheggio spacciatore di cocaina

Fermato dalla Locale un bresciano di 39 anni. Nella sua abitazione sono stati trovati 40 grammi di cocaina e un panetto di hashish di circa 10 grammi

BRESCIA. Venerdì scorso, la Polizia Locale ha arrestato un bresciano di 39 anni nel corso di un controllo antidroga (la notizia del fermo è stata resa nota soltanto oggi, lunedì 5 ottobre).

Gli agenti erano da tempo sulle tracce di un uomo che spacciava sostanze nella zona del quartiere Perlasca e di via Lamarmora. Nella serata del 2 ottobre, una pattuglia (in abiti civili e con un veicolo di copertura) ha seguito gli spostamenti di una Smart guidata da una persona il cui identikit corrispondeva a quello del 39enne.

L’auto si è fermata in un parcheggio e il pusher ha venduto una dose di cocaina a un italiano. L’acquirente è stato fermato dagli agenti; ha rivelato loro che da cinque mesi si riforniva dalla stessa persona, comprando ‘coca’ al costo di 40 euro a dose. Ritornata sulle tracce dello spacciatore, la pattuglia è riuscita a bloccarlo e, dopo averlo perquisito e aver controllato l’auto, ha trovato otto confezioni pronte alla vendita. 

Gli uomini della Locale hanno poi ispezionato l’abitazione dell’uomo, residente in città, e hanno scoperto altri 40 grammi di cocaina e un panetto di hashish di circa 10 grammi. Gli agenti hanno sequestrato inoltre un coltello, una bilancina di precisione e una mazza di legno tenuta in auto.

Il bresciano si trova ora agli arresti domiciliari, come disposto dal Pubblico Ministero, in attesa del processo per Direttissima.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento