Cronaca

Infermiera ferita a Brescia: arrestata assieme a un amico

La donna, assieme a un amico armato di pistola, aveva cercato di farsi restituire 8.000 euro dall'ex fidanzato, restando ferita accidentalmente a seguito di una colluttazione

Un'infermiera ucraina di 40 anni che alcuni giorni fa si era presentata all'ospedale con una ferita alla coscia raccontando di essere stata colpita durante una colluttazione con l'ex fidanzato, è stata fermata insieme a un suo amico, per rapina in concorso, minaccia aggravata e porto illegale di arma comune da sparo.

Secondo i carabinieri di Brescia, la donna il 23 settembre aveva attirato con una scusa sul monte Maddalena l'ex fidanzato, un macellaio 47enne di Crema. All'uomo aveva chiesto più volte la restituzione di 8 mila euro che gli aveva prestato quando progettavano di andare a vivere insieme. Ad attenderli c'era l'amico albanese armato di pistola, una calibro 32 detenuta illegalmente.


Nel tentativo di disarmare l'albanese e fuggire, il 47enne ha innescato una colluttazione durante la quale è stato esploso un colpo di pistola, che ha ferito la donna alla coscia. due fermi sono stati convalidati ieri dal Gip, che ha disposto per entrambi la custodia cautelare agli arresti domiciliari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infermiera ferita a Brescia: arrestata assieme a un amico

BresciaToday è in caricamento