Banconote false, nuova truffa: "Ecco come smascherarle"

Fermata a Brescia una donna di 49 anni, presso un Internet Point in contrada San Giovanni. I consigli della Questura per riconoscere i soldi contraffatti

Ennesimo tentativo di truffa con soldi contraffatti, dopo quella della banconota da 500 euro di due settimane fa, che ha portato alla denuncia di due donne Rom.

A essere preso di mira, stavolta, l'Internet Point al civico 4 in contrada San Giovanni a Brescia. Domenica pomeriggio, verso le 15:00, il gestore si è insospettito nel corso di un pagamento e ha fatto arrestare la truffatrice, T. R., nata a Brescia nel 1965.

A seguito dell'episodio, la Questura ha diramato un comunicato con informazioni e consigli utili per smascherare eventuali raggiri.

IL TESTO COMPLETO:

La falsificazione riguarda non solo i soldi di carta, ma anche le monete. Per renderne più difficile la riproduzione, sulle banconote sono stati stampati sul bordo alcuni caratteri in sovrimpressione. Le monete da 1 e 2 euro sono invece state realizzate con una sofisticata tecnologia bimetallica.

Per verificare la validità delle banconote, il metodo migliore è chiaramente, se possibile, il confronto diretto tra una vera e una falsa. Bisogna osservare le dimensioni, la nitidezza, la brillantezza dei colori e ancora la bellezza della stampa: gli effetti di chiaroscuro e di profondità delle immagini vengono realizzati con tecniche molto raffinate e sono quindi difficili da imitare.

Ma oltre a questi particolari più comuni, i nuovi soldi sono stati fabbricati con alcuni elementi di sicurezza che ne rendono più difficile la riproduzione. Le regole base per riconoscere banconote false sono fondamentalmente quattro: toccare, guardare, muovere e controllare:

● Toccare la stampa calcografica (particolare tipo di stampa a rilievo): è presente in diverse aree delle banconote ed è facilmente percepibile al tatto grazie al suo caratteristico effetto di rilievo. Inoltre, lungo i bordi, delle banconote da 200 e 500 euro sono stai inseriti speciali elementi tattili ideati per i non vedenti
● Guardare le banconote tenendole in controluce: è possibile vedere la filigrana ottenuta variando lo spessore della carta durante il processo di riproduzione, in modo da ottenere un effetto di  "chiaroscuro". E' inoltre presente un filo di sicurezza microscritto che è di colore scuro e attraversa la banconota in verticale.
● Muovendo la banconota, inclinandola, si può osservare:
- una striscia olografica sulla quale è presente il simbolo dell'euro e il valore nominale;
- una striscia iridescente posta verticalmente che, inclinando la banconota sotto una fonte di luce, brilla e cambia leggermente colore;
- una placchetta olografica (solo sulle banconote da 50 €, 100 €, 200 € e 500 €) dove, inclinandola, è possibile osservare un'immagine e il valore nominale.
● Controllando la banconota con l'uso di una lente d'ingrandimento, è possibile vedere delle sottili iscrizioni (microcaratteri) che devono apparire nitide e non sfocate. Le stesse sono presenti sia sul fronte che sul retro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

Torna su
BresciaToday è in caricamento