Cronaca

Conservatori cattolici e centro islamico alleati contro le unioni gay

Oggi pomeriggio i conservatori cattolici delle Sentinelle in piedi e il Centro islamico si radunerranno nel centro di Brescia, in piazza Duomo, per manifestare contro l'introduzione del reato di omofobia e le unioni gay.

Se la manifestazione «per i diritti, per i permessi di soggiorno, contro la legge Bossi-Fini e in difesa degli spazi di libertà» promossa da Diritti per Tutti e altre associazioni,  che si tiene oggi  alle 15,  preannuncia momenti di tensione, quella prevista un ora e mezza  più tardi fa scalpore. In piazza Duomo, infatti, islamici e cattolici protesteranno insieme a partire dalle 16.30.

A unire le due realtà è l'idea tradizionalista della famiglia e la condanna delle condotte omosessuali.  Il centro islamico di Brescia e i conservatori cattolici di Sentilelle in piedi marceranno insieme per dire no  all'introduzione del reato di omofobia e all'ideologia gender.

Da circa una settimana il Centro Islamico di via Corsica è tappezzato da manifesti bilingui che invitano  a scendere in piazza per: “ salvare la famiglia tradizionale dal disegno legge Cirinnà ( che ieri ha ottenuto il prima via libera in Senato ndr) , che punta a riconoscere pari diritti alle coppie di fatto e a quelle regolarmente sposate, e dal ddl Scalfarotto, che introduce il reato di omofobia”. A convincere i vertici del centro islamico a manifestare  pare siano stati proprio  i cattolici.

Il  tema delle unioni civili è stato al centro del dibattito politico ieri in Loggia. Il consiglio comunale ha preso ieri la decisione di rimandare alla giunta la petizione del coordinamento «Nuove famiglie, uguali diritti», che chiedeva con 2.700 firme parità di accesso ai servizi comunali e uno strumento per il riconoscimento delle coppie di fatto, un'attestazione di famiglia fondata su vincolo affettivo.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conservatori cattolici e centro islamico alleati contro le unioni gay

BresciaToday è in caricamento