rotate-mobile
Cronaca

Inchiesta maxi-evasione fiscale: arrestato ex consigliere leghista

Alessandro Bizzaro, consigliere in Loggia tra il 2008 e il 2013, è finito ai domiciliari al termine dell’indagine, condotta dalla Guardia di Finanza di Brescia, su un giro di false operazioni fiscali per mezzo miliardo di euro.

Tra le 22 persone finite in manette nell'ambito dell'inchiesta su un'associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale c’è anche l’ex consigliere del comune di Brescia Alessandro Bizzaro.  L’imprenditore e politico - è stato seduto tra i banchi della Loggia, tra le fila dei leghisti, dal 2008 al 2013 - si trova ora agli arresti domiciliari. 

Al momento non si conosce il capo d’accusa per il quale, martedì mattina, è stata seguita la misura cautelare nei confronti del 48enne. Bizzaro si era candidato anche alle amministrative del 2018, ma nella lista di Fratelli d’Italia che appoggiava Paola Vilardi. 

L'indagine - condotta dalla Guardia di Finanza e coordinata dalla Procura di Brescia - ha portato ad individuare una vera e propria 'fabbrica' dedicata all'evasione fiscale e coinvolge - a vario titolo - un centinaio di persone: imprenditori, commercialisti, avvocati, ma pure un monsignore 90enne di Matera. il religioso avrebbe favorito il tentativo di aprire un conto allo Ior sul quale depositare i soldi guadagnati illecitamente dal sodalizio ed è indagato in stato di libertà.

In tutto gli inquirenti hanno portato alla luce un giro di false operazioni (fatture inesistenti e crediti fiscali fittizi) per mezzo miliardo di euro. Affari illeciti che hanno consentito al sodalizio di guadagnare ben 80 milioni di euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta maxi-evasione fiscale: arrestato ex consigliere leghista

BresciaToday è in caricamento