Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca Viale Duca degli Abruzzi

Le lacrime per 'Alby', ucciso giovanissimo dal cancro: “Ci hai insegnato a combattere”

Alberto Spada si è spento sabato pomeriggio, ucciso a soli 37 anni da un male contro cui lottava da tempo. Per anni ha vestito i colori della società di calcio Epas

Fonte: Facebook

Generoso, disponibile, premuroso e battagliero: "Un grande uomo". Così Alberto Spada viene descritto nelle centinaia di messaggi di cordoglio lasciati sulla sua bacheca Facebook. La notizia della sua prematura scomparsa si è infatti diffusa velocemente sui campi da calcio del Bresciano, che Alberto frequentava da decenni.

Il suo cuore è sempre stato biancoazzurro: fin da piccolo ha vestito la maglia dell'associazione sportiva dilettantistica Epas di San Francesco di Paola a Brescia. Un esempio di coraggio e determinazione, una guida per i compagni e per gli atleti più giovani. Alberto non ha mai smesso di lottare fuori e dentro il rettangolo di gioco: ha affrontato la terribile malattia che gli è stata diagnosticata mesi fa con la grinta che lo contraddistingueva, senza mai arrendersi. 

Nella sua ultima battaglia ha però dovuto vedersela con un rivale subdolo, che non è riuscito a superare: si è spento sabato pomeriggio, a soli 37 anni. La sua morte ha gettato nello sconforto tutti gli atleti e la dirigenza dell'Epas: in segno di lutto la prima squadra domenica non è scesa in campo. "La partita con la Bettinzoli non verrà disputata per la scomparsa di un meraviglioso atleta, amico e uomo buono, che ha fatto tutte le categorie con la mostra maglia", ha fatto sapere la società. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le lacrime per 'Alby', ucciso giovanissimo dal cancro: “Ci hai insegnato a combattere”

BresciaToday è in caricamento