Brescia: l'afferra per i capelli e le sbatte la testa contro la pensilina

E' successo in via San Polo. Alla scena ha assistito un poliziotto libero dal servizio, che è intervenuto per proteggere la donna

Via San Polo: pensilina autobus

La settimana scorsa, mentre di sera percorreva in auto via San Polo, un agente del Commissariato Carmine - libero dal servizio - ha notato una violenta lite tra una coppia sotto una pensilina per la fermata degli autobus: l’uomo, I.A, marocchino del 1973, la donna, bresciana e di due anni più giovane.

Improvvisamente lo straniero, dopo aver immobilizzato la signora, l’ha afferrata per i capelli facendole colpire violentemente con la testa i pannelli pubblicitari. Il militare si è fermato immediatamente ed è intervenuto in soccorso della 39enne, frapponendosi con non poca fatica tra lei ed il suo aggressore, facendola poi salire sull'auto per metterla al sicuro.

Allertato il 113, in supporto del poliziotto è arrivata una Volante e lo straniero è stato condotto in Questura. La signora, medicata sul posto dal personale del 118, ha riferito di aver passato la serata in compagnia dell’uomo e che, mentre passeggiavano, lui l’aveva aggredita durante una banale discussione. In stato di ebbrezza alcolica e sprovvisto di documenti, I.A. è ora indagato per lesioni e violazione delle norme sull’immigrazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento