menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stazione di Brescia: un fermo immagine del video dell'aggressione

Stazione di Brescia: un fermo immagine del video dell'aggressione

Brescia: pestato a calci e pugni nel sottopasso della Stazione

Vittima un 45enne intento a comprare una bibita da un distributore automatico. L'aggressore è stato arrestato a seguito di un'altra rapina ai danni di un barista, anch'esso massacrato per un Rolex da 10.000 euro

B.B., cittadino tunisino di 23 anni, è stato arrestato dalla Squadra mobile della questura di Brescia per rapina e lesioni personali.

Assieme ad altri due nordafricani, l'uomo è accusato di aver pestato a calci e pugni il titolare del bar Coccinella di Via Corfù, la notte dell'8 marzo verso l'orario di chiusura. La vittima, un cinese 51enne, venne poi derubata di un prezioso Rolex da 10.000 euro.

B.B. è stato riconosciuto grazie alle immagini delle telecamere del bar. Poco prima, infatti, aveva consumato alcune bevande all'interno del locale.

Il tunisino era già noto agli agenti per un'altra brutale aggressione avvenuta dieci giorni prima nel sottopasso della stazione ferroviaria, a seguito della quale era stato accompagnato all'Ufficio Immigrazione per le pratiche di espulsione.

Le riprese delle telecamere mostrano il giovane (qui tutte le immagini), in compagnia di un complice non ancora identificato, mentre colpisce a calci e pugni un 45enne intento a comprare una bibita da un distributore automatico, per rubargli la misera somma di 15 euro. Era stato fermato il 1 marzo a tre giorni dall'aggressione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento