Cronaca Centro / Via Vincenzo Foppa

"Non puoi mendicare qui, vai via o ti ammazzo", poi gli sferra un pugno

Vittima dell'aggressione, da parte di una nomade, il mendicante Luigi, che per vivere chiede l'elemosina fuori dall'ospedale Civile

Luigi - Copyright © Bresciatoday

BRESCIA. Da 5 mesi si spartiscono, non proprio pacificamentel'area esterna del pronto soccorso del Civile per chiedere l'elemosina. Ma lei, una 35enne rom, dalle minacce verbali  è passata alle vie di fatto, cercando di colpire al volto Luigi, 54enne di Erbusco, mendicante da pochi mesi (abbiamo già raccontato la sua storia). 

Erano circa le 9.30 di lunedì 13 luglio quando Luigi, in compagnia di un volontario della Caritas, si era spostato nella zona solitamente occupata dalla Rom, in cerca di un po' d'ombra. Vedendolo arrivare, la 35enne romena si è avvicinata con l'intezione di sferrargli un pugno in faccia.

Per difenedersi, il 54enne ha alzato il braccio destro e ha respinto il colpo. Nella colluttazione ha rimediato diverse contusioni all'avambraccio e una distorsione al metacarpo della mano destra. La prognosi è di 30 giorni.

Non contenta, nella mattinata di martedì 14 luglio la donna è tornata a minacciarlo: "Tu non puoi stare qui, questo è il mio posto, vai via che ti ammazzo", avrebbe detto a Luigi, che ha sporto denuncia per aggressione e minacce al comando di Polizia Locale di via Donegani. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non puoi mendicare qui, vai via o ti ammazzo", poi gli sferra un pugno

BresciaToday è in caricamento