rotate-mobile
Cronaca

Coltello da cucina contro i genitori: tragedia sfiorata in una casa

E' stata evitata grazie al tempestivo intervento e alla prontezza degli agenti

È finito in manette prima che potesse fare del male ai suoi genitori, e non solo a loro. Attimi drammatici si sono vissuti in un'abitazione cittadina, domenica 30 aprile: un uomo di 40 anni, armato di un grosso coltello da cucina, stava minacciando i propri familiari, quando in casa hanno fatto irruzione i poliziotti del reparto Volanti della questura cittadina. 

L'uomo non si sarebbe placato nemmeno alla vista degli uomini in divisa che tentavano di indurlo ad arrendersi. Gli agenti lo avrebbero invitato a posare il grosso coltello, lungo 50 centimetri, e a placarsi. Lui, però, avrebbe continuato a brandire l'arma, dando in escandescenze e arrivando a minacciare anche loro.  

"Usate la pistola d'ordinanza, se volete fermarmi", avrebbe detto in un impeto di rabbia. A quel punto gli agenti hanno agito con prontezza e fermezza: evitando pericolose colluttazioni, hanno utilizzato il taser (la pistola elettrica in dotazione alle forze di polizia) per immobilizzare lil 40enne. Poi sono scattate le manette, per maltrattamenti in famiglia: l'arresto è stato convalidato dal giudice che nei suoi confrotni ha disposto il divieto di avvicinamento alla dimora delle vittime.

A rendere nota la vicenda è il Sap (sindacato autonomo di polizia) "Contro un uomo armato di un coltello di 50 cm, barricatosi in un ambiente chiuso e che non vuole arrendersi, le soluzioni da mettere in campo purtroppo sono poche e per lo più estreme - sottolinea in una nota il segretario provinciale Andrea De Biasi - . L'utilizzo del Taser ha permesso di risolvere la situazione in pochi minuti e senza che nessuno, aggressore compreso, si facesse male".

"È inconcepibile - dichiara ancora De Biasi - che questo strumento non sia ancora a disposizione di tutti gli agenti, soprattutto di quelli che operano in zone di degrado. Un esempio su tutti sono i poliziotti che lavorano all'interno della nostra stazione ferroviaria. Nonostante le numerose segnalazioni i colleghi, vittime di continue violenze da parte di malviventi, non sono ancora stati dotati di strumenti ormai indispensabili come taser e spray urticante". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coltello da cucina contro i genitori: tragedia sfiorata in una casa

BresciaToday è in caricamento