Picchiato e derubato in strada, ma è troppo ubriaco per ricordarsi il suo nome

L'ennesimo episodio di violenza sabato notte nei pressi di via Milano . Il racconto del 35enne aggredito è al vaglio del nucleo operativo radiomobile dei Carabinieri di Brescia

Immagine di repertorio

BRESCIA. “Mi hanno aggredito, picchiato e rubato il cellulare”: è stata questa sintetica richiesta d’aiuto a far piombare i militari del nucleo operativo radiomobile, coordinati da Giulio Pisani, in via Milano, nella notte tra sabato e domenica. 

Giunti sul posto, i carabinieri hanno però dovuto fare i conti con lo stato confusionale della vittima: un 35enne di origine marocchina, che sarebbe stato talmente ubriaco da non ricordarsi nemmeno il suo nome. Il giovane ha riferito ai militari di essere stato preso a pugni da alcuni connazionali  e rapinato del telefono cellulare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul suo volto erano visibili le tracce dell’aggressione, escoriazioni e contusioni che sono state medicate dal personale di un'ambulanza.  Il giovane ha sporto denuncia per rapina, mentre i Carabinieri stanno proseguendo le indagini, avvalendosi anche delle registrazioni delle telecamere, per fare luce sull’ennesima (presunta) aggressione avvenuta in via Milano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Coronavirus, allarme focolaio nel Mantovano: 97 positivi in un'azienda agricola

  • Si tuffa e non riemerge, salvato dalla fidanzata: la sua vita è appesa a un filo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento