menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Dopo la rapina in Posta armato di pistola, evade per bersi un caffè

L'uomo, un 56enne camuno, era finito in manette per una tentata rapina all'ufficio postale di Breno. E' evaso dai domiciliari

I carabinieri del Radiomobile di Breno hanno arrestato, per evasione, un 56enne pregiudicato del posto, sottoposto alla misura alternativa della detenzione domiciliare.

L’uomo stava scontando una condanna definitiva per una rapina consumata nell’ufficio postale di Breno nel gennaio del 2017. Il 56enne aveva fatto irruzione in posta, con il volto coperto da passamontagna e una pistola (poi risultata essere un‘arma giocattolo) in pugno. Grazie alla prontezza dell’impiegata e all’intervento immediato dei militari era stato bloccato prima che riuscisse ad impadronirsi del denaro. 

Venerdì mattina, i militari hanno bussato alla porta dell'abitazione del 56enne per controllare se fosse in casa, ma lui non c'era. Sono immediatamente scattate le ricerche: l'uomo è stato rintracciato in poco tempo in un bar vicino al suo appartamento. Ai carabinieri si è limitato a dire che era uscito per bere un caffè. Per lui sono nuovamente scattate le manette: l’arresto è stato convalidato e il giudice lo ha condannato a 8 mesi di reclusione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus: il Comune bresciano che ha contagi da zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento