menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Orrore in famiglia, vuole i soldi per la droga e picchia il padre malato: arrestato

Nei guai un 25enne di Breno: lo scorso maggio gli era stato imposto, dall’autorità giudiziaria, di non avvicinarsi al padre. Ma la persecuzione è continuata e sono scattate le manette.

Un figlio violento, con problemi di dipendenza dalle droghe: una vera e propria croce per un 58enne camuno, vittima di continui maltrattamenti. Vedovo e malato, la scorsa primavera, si era rivolto ai carabinieri per denunciare tutte le aggressioni, gli insulti e le percosse subite e mettere fine a quell’incubo domestico. In seguito ai racconti dell'uomo, e a quanto ricostruito dai militari, per il figlio 25enne - con precedenti per spaccio di droga - era scattato il divieto di avvicinamento alla casa del padre, situata a Breno.

Un obbligo che il ragazzo non ha rispettato. Sarebbe tornato alla carica più volte, pretendendo soldi dal padre per acquistare la droga. Violazioni che non sono però sfuggite ai militari che lo stavano tenendo d’occhio e che, soprattutto, hanno continuato ad avere frequenti contatti con il 58enne per accertarsi che non fosse più vittima del figlio.

Purtroppo il 25enne non solo ha infranto il divieto di avvicinamento, ma avrebbe pure minacciato e aggredito fisicamente il padre ‘colpevole’ di non soddisfare le sue continue richieste economiche. Alla luce del comportamento recidivo del giovane, i militari hanno richiesto e poi ottenuto un inasprimento della misura cautelare, anche perché le accuse nei confronti del 25enne si sono aggravate: estorsione, oltre a maltrattamenti in famiglia. Per lui sono quindi scattate le manette e si sono pure aperte le porte del carcere. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento