Bracconieri spietati: sterminati 100 uccellini in tre ore, uno ogni due minuti

Sono stati tutti e tre denunciati i tre cacciatori che domenica mattina stavano facendo a “gara” nel Savallese: in meno di tre ore hanno ucciso un centinaio di volatili

Gli uccellini uccisi dai tre bracconieri

Bracconieri in azione all'alba di domenica: la Polizia Provinciale ha denunciato tre cacciatori, che in poche ore avevano abbattuto quasi un centinaio di uccelli “proibiti”, su cui dunque vige il divieto di caccia, e tra questi anche alcune specie considerate “particolarmente protette” come il verdone e la tordela.

Il blitz tra i boschi e le montagne del Savallese, nella zona delle Pertiche: gli agenti della Provinciale hanno sequestrato, oltre a un verdone e una tordela, anche 86 peppole e una decina di fringuelli. I bracconieri sono stati tutti identificati e denunciati: dovranno rispondere di uccisione illecita di avifauna.

Si tratta di due fratelli di 65 e 66 anni, entrambi residenti a Gardone Valtrompia, e insieme a loro un caccitore di 45 anni di Mura: tutti e tre capannisti, a detta della Provinciale avrebbero fatto a gara per abbattere il maggior numero di uccelli.

Quasi un centinaio, e in meno di tre ore: i ritmi di una vera sparatoria. Per capirci, sono stati uccisi più di 30 esemplari ogni ora, quasi un volatile ogni due minuti. Oltre alla “merce” illecita, la Provinciale ha posto sotto sequestro anche fucili e munizioni, in vista di una successiva sospensione della licenza di caccia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento