Castegnato, il presidio dei lavoratori della BPB: 76 posti di lavoro a rischio

Venerdì scorso l'incontro tra i rappresentanti della FIOM e quelli dell'amministrazione locale, con sindaco e vice. Il Comune disposto ad aiutare le famiglie in difficoltà, il 13 aprile prossimo scade la cassa integrazione

Storie di ordinaria cassa integrazione a Castegnato, dove circa un’ottantina di lavoratori sono rimasti senza lavoro a causa della decisione improvvisa della BPB, operante nella pressofusione di alluminio, che di punto in bianco ha cessato la propria attività e ha lasciato letteralmente a casa tutti i suoi dipendenti. Un circolo vizioso che colpisce anche diversi artigiani della zona che vantano crediti consistenti nei confronti dello stabilimento, che corrono a loro volta il rischio chiusura, il rischio fallimento. I lavoratori stanno ancora presidiando la fabbrica per impedire la fuoriuscita delle lavorazioni. La cassa integrazione infatti scade il 13 aprile prossimo, il futuro è tutt’altro che roseo per i 76 salariati provenienti da Brescia, Castegnato, Ospitaletto, Paderno, Travagliato, Gussago, Concesio, Iseo, Passirano e Roncadelle. Molti di loro tra l’altro stanno ancora aspettando gli stipendi arretrati, pagamenti mai recepiti che risalgono ormai a qualche mese fa.

Venerdì scorso l’incontro tra l’amministrazione di Castegnato (presenti il sindaco Giuseppe Orizio e il vice Patrizia Turelli) e il funzionario della Fiom Massimo Cappelletti. Una lunga discussione tra le parti che ha confermato gli obiettivi comuni e la totale solidarietà nei confronti dei lavoratori a rischio, una questione scottante, una difficile battaglia di difesa in cui sindacato ed enti locali chiedono un nuovo incontro con la società “per conoscere meglio la situazione e sollecitare le iniziative che possono consentire le coperture sociali ai dipendenti”.

Come spesso accade le cose non sempre quadrano. “Nonostante la cessazione improvvisa dell’attività – fanno sapere dal Comune di Castegnato – e la pesante situazione debitoria i proprietari della BPB non hanno ancora presentato istanza di fallimento. In assenza di questa istanza i lavoratori non avranno diritto alla Cassa Integrazione straordinaria, cosa che consentirebbe l’esenzione dal pagamento dei ticket e il blocco dei mutui sulla casa ai quali non possono far fronte”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comune si è reso disponibile a valutare le singole situazioni dei nuclei familiari coinvolti, pronti a scendere a un compromesso di favore per aiutare le famiglie in difficoltà, come per il pagamento delle rette scolastiche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla e Ines, la tragedia sulla strada per le vacanze

  • Quattro mesi di lotta contro il Coronavirus: è morto il dottor Fiorlorenzo Azzola

  • Coronavirus, in Lombardia via libera a calcetto e discoteche

  • Scontro mortale in autostrada: decedute due sorelle bresciane

  • Si appoggia a un masso e precipita nel vuoto: addio a Saverio

  • Assalto all'uscita dal supermercato: rapinatori via con l'orologio da 48mila euro

Torna su
BresciaToday è in caricamento