In casa il doping dell'ex DDR e una montagna di cocaina: arrestati due ragazzi

Il viavai fuori dall’abitazione di uno dei due giovani ha insospettito i vicini: dopo il blitz di carabinieri e polizia locale, per loro sono scattate le manette

Foto d'archivio

Troppe persone che andavano e venivano da quel appartamento: un continuo viavai che ha insospettito prima i vicini, poi i carabinieri di Botticino. Dopo aver appurato che in quella casa viveva un ragazzo già noto alle forze dell’ordine, i militari hanno deciso di approfondire i controlli. Il blitz è scattato mercoledì: i carabinieri, supportati dagli agenti della polizia locale, hanno perquisito l’abitazione del giovane - un 29enne italiano - trovando quanto serviva per confermare i sospetti. 

All’interno di una piccola cassetta di sicurezza situata nel garage sono state scovate ben 49 dosi di cocaina, per un totale di 41 grammi, materiale per il confezionamento dello stupefacente e due bilancini di precisione.

Non è finita qui. Quando è scattata la perquisizione, il 29enne era in compagnia di un amico e coetaneo: i controlli sono stati estesi anche alla sua casa, dove i carabinieri hanno trovato diverse fiale di testosterone e stanozololo (la sostanza del doping di Stato dell'ex DDR) nonché alcune compresse di ossimetolone. Tutte sostanze anabolizzanti e dopanti usate per aumentare le prestazioni sportive.

Per entrambi sono immediatamente scattate le manette: dopo aver passato la notte di mercoledì in caserma, giovedì sono stati processati per direttissima e il giudice ha convalidato l’arresto.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Coronavirus, Crisanti: "Vi spiego perché il Natale può essere un'opportunità"

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Uccisa dalla malattia in poco più di una settimana, Denise muore a soli 21 anni

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Svuota le casse dell’azienda, compra borse e auto di lusso: nei guai impiegata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento