Ragazza da sola in camera, ma in casa ci sono anche tre rapinatori

Serata da incubo a Borgosatollo: una ragazza da sola in casa per poco non si è trovata faccia a faccia con tre rapinatori. I ladri hanno colpito in altre due case

Poteva diventare una serata da incubo per una ragazza di appena 17 anni che ha rischiato di trovarsi faccia a faccia con i ladri: come scrive Bresciaoggi, la giovane era da sola mentre i banditi erano già in casa, e si sono allontanati solo quando si sono accorti di una luce accesa in camera, insomma a pochi passi da un incontro fin troppo ravvicinato.

A quanto pare un “commando” di almeno tre uomini, entrati in azione l'altra sera a Borgosatollo nella zona di Via Fratelli Baracca. Si sarebbero avvicinati costeggiando i campi che circondano il quartiere. E prima dei furti hanno pure svaligiato un capanno degli attrezzi, procurandosi così degli arnesi da scasso artigianali tra cui martelli e cacciaviti.

I ladri avrebbero colpito in almeno due abitazioni prima di desistere, intorno all'ora di cena e quindi tra le 20 e le 21. In particolare sono state prese di mira due villette, svuotate di tutto quello che poteva sembrare di valore, oltre ovviamente a soldi in contanti e gioielli. Tra queste anche la casa di una coppia di anziani, che in quel momento erano a trovare i figli.

A poche ore di distanza dal “raid”, e proprio nei campi da dove probabilmente i banditi sono arrivati (e scappati), è stato recuperato un grosso sacco nero: al suo interno la refurtiva che i ladri consideravano di poco conto. Indagano i carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Mara è stata uccisa di notte tra i campi, come il padre nel '93

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento