Cronaca Borgosatollo / Via Antonio Cantore

Beppe Chiaf: il dolore del padre nella camera ardente

La salma di Beppe Chiaf è tornata a Borgosatollo. La camera ardente è stata allestita nella casa in via Cantore. I funerali sono invece stati fissati per giovedì

Papà Luciano non riesce a darsi pace per la sorte del figlio, e accarezzando la bara, continua a inveire contro quella maledetta parete Nord che ha strappato Beppe alla sua famiglia alla vigilia del suo quarantaduesimo compleanno. Non c'è più grande tragedia umana di un pade e una madre che sopravvivono al proprio figlio.

GIOVEDI' 20 OTTOBRE: IL FUNERALE DI BEPPE
BEPPE CHIAF: STABILITA LA DATA DEL FUNERALE

Il corpo privo di vita dell'esperto alpinista è ritornato a casa dai pendii del Cervino. Nella camera ardente allestita nell'abitazione di Borgosatollo in Via Cantore, ai piedi della salma la moglie Rossella ha posato il casco e la corda, compagni di tante avventure sulle rocce verticali di mezzo mondo. La sorella Elisa, avvolta nel dolore per la perdita del fratello, non riesce a dire altro: "Questa è la morte che lui avrebbe voluto".

LEGGI L'AUTOBIOGRAFIA SCRITTA DA BEPPE CHIAF
IL GIORNO DELLA TRAGEDIA
MIGLIORANO LE CONDIZIONI DI ANDREA TOCCHINI, IL COMPAGNO DI CORDATA

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Beppe Chiaf: il dolore del padre nella camera ardente

BresciaToday è in caricamento