Acqua dal soffitto, ascensori allagati: Borgo Wührer fa causa ai costruttori

Condomini e società in campo, in tribunale, per presunti difetti di costruzione: allagamenti frequenti, ascensori che non funzionano. La difesa degli accusati: "Le perizie dimostrano il contrario"

Infiltrazioni di acqua, forse a causa di un ruscello sotterraneo. E poi allagamenti fastidiosi, quando invece piove: tanto che ogni tanto si bloccherebbe pure qualche ascensore. Sarebbero queste le note dolenti che da anni accompagnano i residenti di Borgo Wuhrer a Brescia, la vasta area commerciale e residenziale – da 50mila mq, di cui 28mila adibite ad abitazioni – alle porte della città, ristrutturata nel 2002.

Condomini e residenti, titolari di società di consulenza e agenzie immobiliari: queste le parti in causa che avrebbero appunto intenzione di portare in tribunale costruttori e progettisti dell’opera realizzata ormai 13 anni fa. Il motivo, i difetti di costruzione e che si ripercuoterebbero anche oggi.

Dall’altra parte della ‘barricata’ le società che effettivamente hanno realizzato il Borgo Wuhrer. La Concorde e la Newco, quest’ultima riconducibile all’architetto Ettore Fermi, già nella bufera a margine dell’inchiesta sulle grandi opere.

Sulle pagine di BresciaOggi ha parlato anche il suo avvocato, Lorenzo Cinquepalmi: “Qualche anno fa una perizia aveva escluso responsabilità progettuali e di direzione lavori, constatando problemi soltanto nella realizzazione, in particolare negli intonaci. E le pretese in questione, sono tutte prescritte”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento