San Zeno: quattro bombe inesplose tra i rottami dell'acciaieria

L'intervento degli artificieri di Cremona alla fabbrica Duferdofin di San Zeno: tra i rottami da recuperare e da fondere ritrovate quattro granate inesplose risalenti alla 2a Guerra Mondiale

Quattro bombe, inesplose, recuperate ieri mattina negli spazi dell’acciaieria Duferdofin di San Zeno, in cui come di consueto si lavora anche per il recupero di materiali ferrosi e rottami, poi destinati alla fusione.

Sono state recuperate nel mezzo di un ‘classico’ controllo di routine, cui vengono sottoposti tutti i materiali in entrata e in uscita. Quattro piccole bombe, riconducibili alla ‘famiglia’ delle granate o affini, due delle quali addirittura provviste ancora di spoletta.

A seguito della segnalazione e dell’intervento dei Carabinieri, sul posto sono giunti gli specialisti di Cremona, gli Artificieri Guastatori. Ci sono volute almeno un paio d’ore per neutralizzare ogni pericolo, per disinnescare definitivamente gli ‘antichi’ ordigni, risalenti alla Seconda Guerra Mondiale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

Torna su
BresciaToday è in caricamento