Bomba di fronte alla villa di un magistrato della Dda di Brescia

Un ordigno è stato fatto esplodere - senza conseguenze - di fronte alla villetta di Giulio Tamburini, magistrato della Procura di Mantova e distaccato per la Dda di Brescia, dove si è occupato di processi di criminalità organizzata

Una bomba è stata fatta esplodere la notte scorsa davanti all'abitazione di Giulio Tamburini, magistrato della Procura di Mantova. L'ordigno, che dai primi riscontri non sembra di fabbricazione artigianale, ha provocato la rottura dei vetri della villetta ma nessun ferito.

Illesi Tamburini, 54 anni, la moglie e i figli svegliati alle 2 dal botto, che si è sentito a distanza. L'abitazione del magistrato si trova alla periferia della città, vicino ad altre villette, i cui abitanti sono stati svegliati dall'esplosione. Sul posto per le indagini si sono recati i carabinieri del Nucleo investigativo di Mantova e i Ris di Parma.

- Operazione 'Ndrangheta: magistrati nel mirino dei boss

A procedere sarà la Procura di Venezia. Tamburini lavora come distaccato anche per la Dda di Brescia e si è occupato di alcuni processi relativi alla criminalità organizzata. I primi riscontri avrebbero convinto gli investigatori che si tratti di un gesto intimidatorio. Da oggi la Prefettura di Mantova ha predisposto una scorta per il magistrato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Tragico infortunio sul lavoro: morto giovane operaio

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

Torna su
BresciaToday è in caricamento