Bomba nel cantiere Tav: operazioni concluse prima del previsto

L'ordigno non era incendiario ma illuminante, il che ha consentito agli artificieri di terminare le operazioni con più di due ore di anticipo rispetto a quanto preventivato

Fonte: Esercito

BRESCIA - Sono terminate alle 13.40 - e non alle 16 come inizialmente previsto - le operazioni di bonifica dell'ordigno ritrovato nel cantiere Tav di via Vergnano.

La procedura ha potuto concludersi in anticipo visto che la bomba non era incendiaria come si pensava all'inizio ma illuminante: l'ordigno è stato probabilmente sganciato, durante la Seconda Guerra Mondiale, nel corso di un attacco notturno per garantire visibilità agli armieri. 

La Tangenziale Ovest è stata riaperta al traffico e sono stati rimossi tutti i posti di blocco.  

Riattivata anche la circolazione ferroviaria. 

I residenti stanno pian piano facendo ritorno nelle loro abitazioni; la zona rimane pattugliata per evitare azioni di sciacallaggio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il dramma di Matteo, papà di due bambini: ucciso dalla malattia a 38 anni

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

Torna su
BresciaToday è in caricamento