Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Bologna: le ossa ritrovate non sono dei repubblichini bresciani

La prova del carbonio 14 chiude un capitolo tra i più discussi del dopoguerra in Emilia: le ossa ritrovate a Bologna non sono della cosiddetta 'Corriera fantasma', con a bordo repubblichini partito da Brescia, ma risalgono al X-XII secolo

Per anni qualcuno ha pregato, davanti a quegli scheletri credendo fossero i resti terreni dei propri cari. Furono anche celebrati dei funerali solenni immaginando quelle ossa appartenti a vittime di un eccidio partigiano.

Dopo decenni di polemiche e ricostruzioni ideologicamente orientate, l'oggettività scientifica ha chiuso - in maniera definitiva - un capitolo tra i più discussi del dopoguerra in Emilia riconsegnandolo al suo ambito di appartenenza, quello della storia medievale.

Non appartengono al periodo della resistenza le ossa rinvenute nel 1962 a San Giovanni in Persiceto (Bologna). A dirlo è la prova del carbonio 14 che ha datato le ossa tra il X e il XII secolo.

"Il rinvenimento di questi scheletri - ha detto il sindaco di San Giovanni in una conferenza stampa durante la quale sono stati presentati i risultati delle analisi - si inseriva al termine di un periodo che aveva prodotto fratture profonde nella nostra comunità. Ferite che solo con il tempo è stato possibile ricucire".

Gli scheletri erano stati attribuiti (tesi smentita già da una sentenza del 1965 che però non dissipò i dubbi sulla datazione) alle vittime della cosiddetta 'Corriera fantasma', un pullman con a bordo repubblichini partito da Brescia e che, secondo alcune ricostruzioni, sarebbe stato vittima di un assalto partigiano proprio nei pressi di San Giovanni. A distanza di anni, l'episodio era ancora citato tra le violenze contro i 'vinti' che seguirono la Liberazione.

Per questo, l'Anpi ha chiesto che le ossa - conservate nel cimitero del Comune dopo un rinvenimento casuale - fossero riesaminate. Il 23 aprile scorso, le 32 cassettine sono state riesumate, tre sono state aperte e sono stati prelevati campioni di ossa.

Questi sono stati studiati dall'Università di Bologna e dal Museo Archeologico Ambientale di Persiceto per poi essere inviati al Cedad (Centro di Datazione e Diagnostica dell'Università del Salento - uno dei due centri specializzati in Italia) per la datazione. I due campioni esaminati, attribuiti a 'sconosciuto 4' e 'sconosciuto 29', risalgono rispettivamente a un'età compresa tra l'890 e il 1050 e tra il 990 e il 1160.

"Quello che abbiamo - ha detto Maria Giovanna Belcastro, docente ed esperta in antropologia fisica con applicazioni forensi dell'Unibo - è un dato importante, che indirizza l'interpretazione di questa vicenda. Ora, il protocollo scientifico, prevede un confronto con altre analisi che verranno svolte ad Oxford sugli stessi campioni".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bologna: le ossa ritrovate non sono dei repubblichini bresciani

BresciaToday è in caricamento