menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Manerbio: bocciato il megamacello, Bisinella risponde alle accuse di Rolfi

Il sindaco di Leno risponde alle accuse di Rolfi, che aveva additato il PD come il responsabile della bocciatura del progetto, e della perdita di 800 posti di lavoro

Risponde in maniera netta e provocatoria alle accuse lanciate da Fabio Rolfi sulla vicenda del megamacello di Manerbio il sindaco di Leno, Pietro Bisinella, invitandolo alla conferenza stampa indetta per domattina presso il Comune, “dove distribuiremo tutti i documenti ufficiali relativi alla questione, e ne vedremo delle belle!”.

"Ti invito pubblicamente - spiega Bisinella - a prendere visione dei documenti dove è scritto nero su bianco che chi aveva il potere di promuovere o bocciare la proposta di costruzione del megamacello non è certo il Comune di Leno, ma ovviamente quello di Manerbio e la Provincia di Brescia. Si sta cercando un capro espiatorio per mascherare le lacune e le imprecisioni che hanno portato alla bocciatura del progetto, chi non ha fatto il suo mestiere non siede certamente in Comune a Leno".

"Io - continua Bisinella - ho fatto come sempre, solo il mio dovere, presentando in sede di Conferenza di Servizi un memoriale nel quale chiedo garanzie e certezze rispetto alla compatibilità ambientale dell’impianto e alle ricadute sulla salute dei cittadini, sulla viabilità e sulla dimensione occupazionale, come del resto avevano fatto ARPA e ASL. Se le risposte non sono arrivate e il signor Pini ha deciso di andarsene, la colpa è di chi ha sbagliato l’iter procedurale (Giunta Pdl - Lega di Manerbio) e di chi non ha saputo fornire i doverosi dettagli tecnici (il signor Pini stesso e la sua equipe)".

"Sono felice che tale ennesima “porcata” nella bassa non si realizzi - conclude il Sindaco -, ma non sono mai stato contrario a priori, ho semplicemente agito chiedendo chiarezza per la mia gente e per la mia terra, se qualcuno pensa che la bassa possa essere facile terra di conquista per affari mascherati con l’offerta di posti di lavoro, si sbaglia di grosso".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento