menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Vattene via, non voglio vederti": lui sfonda la porta e la trascina per le scale

Arrestato a Darfo Boario un artigiano 34enne: è accusato di violenza privata e violazione di domicilio. Sotto shock la sua ex fidanzata

La furia dell'ex compagno si è riversata, ancora una volta, sulla giovane donna inerme che questa volta aveva semplicemente rifiutato di vederlo: lui non ci ha visto più, accecato dalla rabbia, ha sfondato la porta di casa a calci, l'ha picchiata e trascinata per la casa e le scale, è stato arrestato dai carabinieri dopo che il padre della ragazza, allettato per problemi di salute, ha capito cosa stava succedendo e ha chiamato il 112.

E' successo sabato sera a Darfo Boario Terme: in manette un artigiano di 34 anni residente a Gardone Valtrompia, arrestato per violenza privata e violazione di domicilio. L'arresto è stato convalidato in queste ore, dopo due notti in guardina: in attesa del processo, il giudice ha disposto il divieto di dimora e avvicinamento al paese di residenza della sua ex fidanzata.

Una storia troncata per la violenza

I due sarebbero stati insieme qualche anno, prima che fosse proprio la ragazza – una 32enne che da sempre abita a Boario – a troncare la relazione, esasperata. In più occasioni, infatti, l'artigiano oggi 34enne si sarebbe dimostrato violento. Lei non ha mai denunciato, ma all'ennesimo episodio ha deciso di andarsene.

Lui non ha mai accettato la fine della relazione. Telefonate, messaggi, richieste di incontrarsi: finché sabato sera non ha bussato alla sua porta. Ha preteso di vederla, l'ha aggredita e picchiata. Quando i carabinieri hanno fatto irruzione la donna era rannicchiata in un angolo, che piangeva. Lui invece gridava, la insultava. Arrestato, finalmente. Sperando che ne abbia per un bel po'.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus: il Comune bresciano che ha contagi da zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento