menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Bimbo morto in ospedale, indagate 16 persone per omicidio colposo

Proseguono le indagini sulla morte del piccolo Paolo, il bimbo di soli 6 mesi ucciso dal batterio Serratia marcescens. La Procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo

La Procura di Brescia indaga per la morte del piccolo Paolo, il bimbo di soli 6 mesi deceduto al Civile a seguito di un'infezione da Serratia marcescens, il batterio “killer” che ha infettato anche il gemellino del neonato (ma che sarebbe già sulla via della guarigione) e altri piccoli pazienti ricoverati in quel momento nel reparto di Terapia intensiva neonatale, ad oggi ancora chiuso.

Potrebbe riaprire a breve, ma intanto sono addirittura 16 gli iscritti nel registro degli indagati: medici, infermieri, operatori sanitari. Praticamente tutta l'equipe al lavoro nel reparto, e l'ipotesi di reato è di omicidio colposo. Nessuna responsabilità accertata, ma un atto dovuto nell'ambito di indagini ad ampio raggio.

La Procura sta cercando di capire quale sia stata l'origine dell'infezione, cosa potrebbe non aver funzionato, se tutto è stato fatto come doveva essere fatto. Anche la Regione ha aperto un'inchiesta, incaricato l'Ats (e un'apposita commissione) di andare a fondo sulla vicenda.

A margine dell'accaduto rimane il dolore di due giovani genitori che hanno perso il loro bambino. Lunedì è stata eseguita l'autopsia sul corpicino di Paolo: tempi lunghi per i risultati, potrebbero volerci fino a tre mesi. In tempi brevi è invece atteso il nulla osta della magistratura per la sepoltura del bimbo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento