Piromane arrestato, disastro ambientale: bosco devastato per 50 anni

I dettagli dell'arresto di Oscar Bellicini, il 23enne di Bienno accusato di aver scatenato il rogo del gennaio scorso, che ha bruciato più di 200 ettari di bosco sulle montagne della Valcamonica

Oscar Bellicini

Avrebbe dovuto funzionare così: vaste aree di bosco ridotte a una tabula rasa, utili radure per cacciare gli animali senza che questi potessero proteggersi o difendersi. Con il vantaggio di allontanare (per cinque anni, così prevede la legge in caso di incendi) i cacciatori “regolari”, che a quelle zone non si potranno più avvicinare a lungo.

Non ci sono altre parole per definirlo: disastro ambientale. Non facili le indagini per risalire al piromane: i carabinieri hanno raccolto le numerose testimonianze di agricoltori e residenti che qualcosa avevano visto. Tra questi anche un ciclista di passaggio, che per primo si sarebbe accorto del cosiddetto “punto d'innesco” del terribile incendio.

Per spegnere l'incendio ci sono voluti dei giorni, impegnando centinaia di uomini e decine di mezzi speciali. Un costo importante anche per la stessa comunità. Oscar Bellicini intanto è rinchiuso in carcere, in attesa del processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Notte da incubo dopo la pizza? Ecco perché ci viene così tanta sete

  • Incidente stradale a Dello: morto Alex Tanzini di 38 anni

  • In bicicletta sull'autostrada A4: muore sul colpo travolto da un'auto

  • Malore improvviso in casa, muore giovane mamma: "Non voglio crederci"

  • Il tragico destino di Sara, stroncata dalla malattia a soli 27 anni

  • Brutalmente ammazzata dal marito, niente sepoltura: "Lui non lo permette"

Torna su
BresciaToday è in caricamento